Kobo Aura One: scopriamo l’eReader più pratico di un libro

Come reagiresti se ti dicessimo che puoi trovare sul mercato un e-reader che ha, in tutto e per tutto, le dimensioni di un libro e la sua leggerezza ma potrà contenere al suo interno diverse centinaia di titoli da leggere dove e quando vuoi? Stiamo parlandodele lettore ebook Kobo Aura One che in questo è una piacevole sorpresa capace di differenziarsi in un mercato dove domina nettamente la scena Amazon con i suoi Kindle. Kobo però, rispetto alla concorrenza, si affida alla tecnologia ComfortLight Pro che aiuta e facilita la lettura, oltre alla sicurezza di utilizzare un supporto a un numero elevato di titoli e file di formati diversi. Si percepisce fin da subito che Kobo Aura One è in grado di garantire a ogni utente la possibilità di vivere un’esperienza di lettura che è in tutto e per tutto simile a quella che si prova davanti a un tradizionale libro stampato su carta. Si presenta a noi con un display da 7,8”, una risoluzione a 1872 x 1404 pixel e 300 PPI, che è un chiaro richiamo alle dimensioni dei libri stampati. Ha poi un design minimale ma al tempo stesso molto elegante, una retroilluminazione automatica e un buon ingrandimento di testo.

Colpiscono anche i suoi caratteri ben definiti; per questo la lettura risulterà quindi essere veloce e scorrevole, con la possibilità di interagire con il testo in modo semplice e immediato. Ma ancora più interessante è il sensore per la luminosità, oltre alla presenza di un piccolo LED che serve per aiutarci a capire lo stato di carica del device. Il sensore invece regola in modo autonomo i valori di illuminazione, anche se ogni persona potrà intervenire per personalizzare la propria lettura in base ai gusti personali. A livello di interfaccia mantiene lo standard dei modelli Kobo: è gradevole perché molto intuitiva e pratica da usare anche per chi non ha mai avuto alcun tipo di esperienza con dispositivi di questo genere.

Il suo prezzo ufficiale è di 229 euro a differenze del Kobo Aura H2O che costa circa 170 €, che sicuramente non sono pochi, ma si tratta di un prezzo decisamente accessibile se mettiamo in relazione il rapporto tra qualità e prezzo. Possiamo sicuramente considerarlo un prodotto di lusso che consigliamo di acquistare a chiunque ami leggere testi di buona qualità: i benefici sono tanti, ma il vantaggio primario è quello di avere sempre un importante numero di titoli in un prodotto che potrai comodamente tenere in una mano.

Per quale motivo investire nello sviluppo di applicazioni iPhone?

Investire nell’attività di sviluppo di applicazioni iPhone può essere un qualcosa di molto fruttuoso, e non c’è da stupirsi se moltissime società, ed anche molti liberi professionisti, dedicano molto tempo e grandi risorse nei lavori di questo tipo.Le odierne applicazioni per iPhone sono tantissime, e tramite questo particolare telefono, oramai estremamente diffuso, si possono fare davvero  tantissime operazioni che erano del tutto impensabili alcuni anni addietro.

Qualsiasi informatico che abbia le conoscenze per realizzare una App può, dunque, lanciare in rete delle applicazioni rendendole disponibili a tutti gli utenti, sia in forma gratuita che a pagamento.

Ma per quale motivo conviene concentrarsi in questa attività?Come detto, le App rappresentano un’opportunità di guadagno davvero notevole: se si riesce, infatti, ad ideare una App realmente utile, che offre un servizio diverso rispetto alle applicazioni già esistenti, il guadagno che può derivarne è notevole, anche in considerazione del fatto che la stessa non sarebbe certamente limitata, nel suo utilizzo, ai confini nazionali.

D’altronde, un esempio lampante in questo senso può essere certamente l’applicazione WhatsApp: sviluppando un’idea fondamentalmente semplice, l’informatico che ha lanciato in rete questo prodotto è riuscito ad assicurarsi dei guadagni stratosferici, ancor più accentuati, tra l’altro, a seguito del recente acquisto della App da parte del team di Facebook.

Ma cosa è necessario per sviluppare delle App iPhone?

La risposta più semplice sarebbe quella di crearsi una cultura informatica adeguata, magari seguendo un corso. Si tratta sicuramente di una buona soluzione, ma per creare una App interessante per iPhone è indispensabile anzitutto avere un’idea; d’altronde, creare una App è un po’ come avviare un’attività imprenditoriale.

In rete, tra l’altro, esistono delle App ideate appositamente per sviluppare delle applicazioni, dunque per tradurre le proprie idee in concrete App da lanciare immediatamente online. L’intuizione, la capacità di cogliere il bisogno dell’utente, sono sicuramente aspetti ancor più importanti rispetto alla realizzazione tecnica del prodotto.